Un'interessante riflessione proposta dall'educatore Sir Ken Robinson